Effetti della Nutrizione sulla tua genetica

EFFETTI DELLA NUTRIZIONE SUI TUOI GENI
Il Progetto Genoma Umano (HGP), un’impresa su larga scala dal 1990 al 2006, mirava a mappare e identificare l’intero patrimonio genetico dell’uomo. Lo hanno fatto perché in precedenza la tesi era diffusa nel mondo scientifico che i geni determinano il nostro destino e le nostre vite.

Questo è chiamato determinismo genetico, il che significa che a seconda di quali geni hai ereditato dai tuoi antenati, determinerà il tuo aspetto, ad esempio, quali malattie si prevede che puoi sviluppare, se sei obeso o no, e anche quali segni comportamentali mostri.

Gli scienziati 😊hanno ipotizzato che, se tutti i geni fossero stati identificati, sarebbe stato possibile modificare alcuni dei geni che causano malattie o obesità mediante l’ingegneria genetica, in modo che l’umanità potesse diventare il leader della propria vita. Enormi quantità di tempo, energia e denaro sono state perse a questo progetto a livello mondiale.

I risultati della ricerca

Il risultato della ricerca è stato scioccante.☝ In effetti, ha completamente distrutto la teoria secondo cui i geni regolano la struttura e la funzione delle cellule, incluso il nostro corpo. Il determinismo genetico è stato rovesciato perché durante la mappatura risulta che non abbiamo i geni necessari per codificare le proteine ​​funzionali necessarie per costruire il corpo umano.

Cosa significa?
Il corpo umano è anche costituito da proteine ​​che hanno un ruolo funzionale, cioè svolgono un compito importante. Uno speciale complesso proteico può, ad esempio, formare un muscolo cardiaco, mentre un altro può formare tessuto intestinale, un terzo altro organo interno come fegato, milza, pancreas, rene, polmone, ecc.

La proteina è quindi il materiale da costruzione più importante del corpo. Ad esempio, il muscolo contiene il 18-20% di proteine. Le proteine ​​trovate nel tessuto connettivo, tra le cellule, sono collagene ed elastina. Il collagene produce il 20-25% delle proteine ​​totali e l’acqua che lega l’elastina fornisce, per esempio, elasticità della pelle. La proteina è anche coinvolta nel trasporto di ossigeno e anidride carbonica.

Le proteine ​​sono anche enzimi che accelerano specificamente specifici processi chimici nell’organismo vivente, come proteine ​​semplici o complesse.
La loro carenza può causare gravi disturbi nel metabolismo. Alcuni degli ormoni sono anche proteine, come l’insulina, l’adrenalina, il cortisolo, la tiroxina o anche gli ormoni sessuali e molte sostanze biologicamente attive come l’istamina, la dopamina e la serotonina.

Il nucleo, i mitocondri, i ribosomi (i loro costituenti cellulari) stanno anche costruendo proteine. Le proteine ​​svolgono un ruolo importante nel mantenimento dell’equilibrio acido-base e forniscono anche energia per i processi catabolici (degradativi), sebbene i principali fornitori di energia del corpo siano carboidrati e grassi.

Secondo i calcoli, ca. Hai bisogno di 100.000 varianti di proteine ​​funzionali per prestazioni ottimali. Ogni complesso proteico è costituito da amminoacidi. Le proprietà di una proteina sono determinate da due cose principali, il tipo e la sequenza di amminoacidi che formano la proteina e la loro posizione spaziale. Abbiamo 20 aminoacidi che producono proteine, che, come i mattoncini Lego, costituiscono i diversi edifici, le proteine ​​funzionali.

Proteina funzionale

Come assemblare ogni proteina funzionale è codificata dal DNA immagazzinato nel nucleo, da cui vengono letti i singoli progetti di costruzione. Ecco perché i ricercatori hanno contato se fossero circa. 100.000 tipi di proteine ​​costituiscono il corpo umano, quindi devono essere almeno 100.000 geni, poiché ogni proteina con una funzione speciale ha bisogno di un progetto genetico.

Il disturbo in questa teoria è stato causato dal fatto che, dopo che il Progetto Genoma Umano ha calcolato il numero di geni posseduti da una persona, risulta che questo numero è inferiore a 25.000. Si è scoperto che l’80% della quantità di DNA presumibilmente “richiesta” semplicemente non esiste!

La previsione della precedente ipotesi scientifica era che i genetisti studiassero solo il DNA e non controllassero le proteine ​​dei cromosomi del DNA. Il DNA contenente informazioni genetiche è una molecola a catena lunga confezionata nei cromosomi. Questo perché la lunghezza delle molecole di DNA nel nucleo è maggiore della dimensione dei cromosomi. La lunghezza totale del DNA dei 23 cromosomi dell’uomo è di circa 1 m (!) In lunghezza. Pertanto, il DNA è presente nello stato di confezionamento in uno stato strettamente imballato.

Un gene può essere letto solo, vale a dire, l’informazione può essere ottenuta se la proteina che lo regola lo consente.( Lo so, un po’ complicato, manco i scienziati hanno risolto)

Ulteriori ricerche hanno portato a ulteriori complicazioni. Successivamente è stato rivelato che solo il 2% del pool genico è coinvolto nella produzione di proteine! Secondo il progetto ENCODE (Enciclopedia degli elementi del DNA), l’80% del DNA senza ruolo, che prima non era noto agli scienziati, era chiamato DNA “spreco o scuro”, come la produzione di proteine ​​e le proteine. regola la strutturazione del sistema.

Allo stesso modo, il DNA scuro è responsabile della lettura alterata dei geni codificanti le proteine ​​per influenzare gli effetti ambientali. Questo è un meccanismo epigenetico che consente a un essere umano, come si è scoperto, di avere solo 19.000 geni in grado di sintetizzare centinaia di migliaia di molecole proteiche (Ecker, 2012).

La maggior parte del DNA oscuro gioca un ruolo nell’espressione dei geni. Espressione genica significa che un particolare gene è espresso o meno, o fino a che punto, cioè, le informazioni contenute in esso sono leggibili o meno. Questo sistema attiva e disattiva i geni che producono proteine ​​e, eventualmente, modifica anche la loro struttura (Kolata, 2012).

I geni sono quindi elementi costitutivi e i segmenti di DNA non codificati sono schemi che illustrano come assemblare. Con la guida di questi, diversi organi di piante e animali sono costruiti dalla massa degli stessi mattoni. I codici del DNA oscuro sono direttamente correlati ai cambiamenti nell’ambiente. Quindi, questo meccanismo epigenetico regola il processo di trascrizione genetica.

Si è scoperto che queste proteine ​​regolatrici svolgono un ruolo altrettanto importante nell’ereditarietà del DNA. Affinché l’informazione nel gene impostato sia ottenibile da un segnale ambientale, che, alterando la forma della proteina bianca, la separa dalla doppia elica del DNA, rendendo leggibile il gene.

La genetica significa

☝Ciò significa che l’espressione o la non-espressione di un gene è determinata dalla coesistenza di diverse proteine ​​regolatrici. Quindi, le proteine ​​regolatrici sono come il pianoforte. I geni sono le tastiere. A seconda dell’ordine e del ritmo del pianista, la melodia si manifesta in questo modo. Quindi l’ambiente è il suono nella testa, le proteine ​​regolatrici sono il pianista, i geni sono la chiave del suono e la manifestazione è la melodia. ☝

DNA

La scienza ha ora riconosciuto che il flusso di informazioni che regolano gli esseri viventi e le loro funzioni cellulari inizia con la segnalazione dell’ambiente e determina, lega o non regola le proteine ​​nel nucleo del DNA, influenzando così la loro attivazione.

Quindi, la segnalazione dell’ambiente cellulare da parte delle matrici di proteine ​​recettore-effettore nella membrana cellulare, l’IMP viene trasmessa e trasmessa attraverso le proteine ​​regolatrici al DNA memorizzato nei cromosomi, da cui l’informazione corrispondente viene letta e quindi trascritta dal DNA all’RNA. che produce proteine ​​funzionali sui ribosomi (organo cellulare che sono la sostanza bianca) che determinano la funzione cellulare.

Possiamo dire che la funzione cellulare e la salute sono determinate da impulsi provenienti dal mondo esterno.
Questi segnali ambientali provengono da impulsi di segnalazione extracellulari, cioè dallo spazio extracellulare. Immagina le cellule del pesce che galleggiano in un acquario. Se viene aggiunto del materiale all’acqua dell’acquario, questo influenzerà le condizioni del pesce in esso contenuto. Il segnale ambientale può essere vario e interagisce con il corpo e influenza il funzionamento delle cellule.

Il segnale ambientale può essere di natura materiale ed elettrica, che sarà assorbito dalle proteine ​​recettore sulle membrane delle cellule come le antenne di un televisore.

Quindi il processo si presenta così:
Segno ambientale -> Recettori cellulari -> Esecuzione di proteine ​​che forniscono informazioni allo spazio cellulare -> Proteine ​​regolatore -> DNA -> RNA -> Proteine ​​funzionali -> Funzionalità cellulare.
Non voglio scombussolarti ulteriormente e arrivo il fatto, perché tutto questo chiacchiere!

Il punto è che la nutrizione è anche un effetto di una fonte esterna e quindi si trasforma in un segnale ambientale interno che può influenzare il funzionamento di alcuni dei nostri geni.
Diamo un’occhiata ad un esempio specifico. Carni rosse, carne di selvaggina, caffeina e alcol stimolano l’escrezione del cortisolo surrenale. Più mangi o bevi, più l’ormone del cortisolo produrrà nella tua ghiandola surrenale.

Esempio

Il cortisolo entra nel flusso sanguigno attraverso l’ormone endocrino, attraverso il quale raggiunge ogni cellula. I recettori del cortisolo sulla superficie cellulare rilevano e trasmettono queste informazioni sul segnale ormonale allo spazio intracellulare. All’interno di questa cellula viene attivato un enzima chiamato 11beta-HSD-

1. Questo enzima migliora ulteriormente la funzione dei geni che regolano i geni migliorando l’effetto del cortisolo nella cellula. Di conseguenza, anche il gene SOCS3 sul cromosoma 17 viene attivato. La sovra espressione (espressione genica) di questo gene codificherà la produzione di una proteina di soppressione del segnale a 3-citochine.

Questa è una proteina funzionale che farà diminuire i recettori della leptina e dell’insulina sulle cellule. Se questi recettori si bloccano, cioè diventano resistenti, la cellula non sarà in grado di ricevere abbastanza segnali di insulina e di ormone leptina. Di conseguenza, l’insulino-resistenza, che è il segno distintivo del diabete, o la resistenza alla leptina, può causare un’obesità anomala. (Si capisce come possiamo crearci malattie da soli)

E questo era solo uno dei tanti esempi che potrebbero illustrare come la nostra dieta influenza il funzionamento dei nostri geni. Ma scriverò di più su questi nel mio prossimo articolo. ( se ti interessa)
Dopo tutto, la nutrizione non conta, non vale la pena prestare attenzione cosa mangiamo … – dicono quelli che non conoscono la ricerca pionieristica e dogmatica della Nuova Biologia. Davvero , possiamo essere il nostro ingegnere genetico se lo usiamo alimentazione con saggezza.

Conclusione

Nei 30 giorni passati ho studiato tanto e questo articolo é il frutto delle mie ricerche e a parte aiuto del mio insegnante. Mi aggiorno sempre perché voglio rimanere il tuo consulente di benessere preferita. Buona serata e un abbraccio da Zita

Se avete bisogno di ulteriori informazioni, potete chiedere qui sotto 👇

Grazie per la condivisione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *