Emozioni e il ruolo delle emozioni

“Che le emozioni siano una parte fondamentale del nostro essere è certamente indubitabile e il nostro benessere passa attraverso di esse, ma non solo quello, anche la nostra interpretazione dell’esperienza, di quanto ci accade.” Stavo leggendo nel Blog di Carlo Cottone – Har Doctor News

Questa affermazione mi ha fatto partire una raffica di pensieri. Noi esseri umani siamo praticamente guidati delle nostre emozioni, se si tratta di benessere o se si tratta di lavoro, siamo alla ricerca della comodità. Per questo abbiamo scoperto il fuoco, la ruota e cosí via. Finché le emozioni guidano per fare le scoperte non possiamo lamentarci. Purtroppo le emozioni o la ricerca per avere forte emozioni che ci porta anche verso la comodità e non avere forti emozioni.

I pensieri che creano le nostre emozioni

Le emozioni che guidano

Esempio: voglio dimagrire e riacquistare la mia forma fisica! Comincio prestare attenzione per quello che mangio, vado a correre o mi inscrivo in palestra. Faccio tutto questo con grande entusiasmo per sino un mese. Poi piano piano smetto di frequentare la palestra e ricomincio a mangiare come prima. Un incontro o un appuntamento con amici per un aperitivo, fine settimana al restaurante o a casa della nonna e perdiamo le nostre intenzioni.

Non subito ma con gradualità. Ci mentiamo a noi stessi, dicendo: mica posso fare la guastafeste! Si è vero, non possiamo ritirarci da ogni festa, ma possiamo scegliere un aperitivo con meno zucchero o addirittura bere acqua e assaggiare solo la verdura, la frutta o scegliere qualcosa senza pane.

Ma se siamo li per un aperitivo allora assaggiamo tutto e non ci pensiamo al domani. Non viene in mente che fra un anno potrei mangiare le stesse cose. Non vogliamo privarci di niente! 2 – 3 sgarri e smettiamo fare la dieta, ormai è fatta, ricomincio il mese prossimo o l’anno prossimo. Ci vuole sempre una data precisa.

Ogni uno di noi ha un emozione che lo guida

Per questo motivo che io il mese di maggio vendo di più C9, mentre in gennaio quasi inesistente la vendita. Tutti quelli che come buon proposito di anno nuovo volevano dimagrire e mettersi in forma per la bella stagione lo comprano per recuperare il tempo perso. In 9 giorni possono perdere 10 cm della circonferenza vita e fino a 5-6 kg. Stranamente uomini perdono più kili e le donne più cm.

E adesso dimmelo che non è colpa delle emozioni. Noi esseri umani vogliamo avere il maggior risultato con il meno forzo possibile. Chi riesce pensare diversamente avrà successo nella vita.

Emozioni sul lavoro

E qui sono arrivata la seconda frase del mio articolo. Quanti di noi accetta un lavoro che non lo rende felice? Meglio un lavoro di merda ma sicura che a cercare a cambiarla. Po’ darsi che sbaglio. Ma tu quante persone conosci che il suo tempo libero cerca un lavoro migliore? Io ne conosco! Tutte quelle persone che vengono lavorare con me o con la mia linea e nel tempo libero costruiscono la loro impresa.

Il credere la piú forte emozione

Spesso sento a dire: non ho tempo. Allora per questo dovresti cominciare per avere il tempo nel futuro. Una ragazza di ventenni che studia, lavora in un centro estetico e in weekend fa la pulizia, ha trovato tempo. Una mamma con 5 figli e marito malato ha trovato tempo. Basta volere, escludere le emozioni e ci mettere impegno.

Colpa delle emozioni?

Un ragazzo 19 anni che studia ancora e ogni volta che ha bisogno di qualcosa i genitori e la nonna danno i soldi, il tempo non lo trova. Adesso vuole andare al estero. I parenti stanno per aprire un restaurante in Spagna e lui fine scuola andrà a lavorare li.

Capisco! Anche io quando sono venuto in Italia ho pensato che risolvo tutti i miei problemi. Mi sentivo fortunata. Poi si rivelò la dura verità. Durante l’inverno al nord in un appartamento senza riscaldamento. La sera prima di andare a dormire bevevo un tè caldo per riscaldarmi, la rimanenza ritrovavo ghiacciato la mattina seguente. Spesso non avevo abbastanza soldi per mangiare.

Io spero che questo ragazzo troverà la sua fortuna al estero e non dovrà subire tutto quello che ho dovuto subire io. Ma senza la “Mamma Hotel” sará difficile. Il frigo si riempie solo se ci metti qualcosa, i vestiti puliti non entrano nell’armadio da soli …. Il restaurante si aprirà a maggio e sappiamo che ogni attività necessità minimo 3 anni per diventare profittevole. Secondo voi chi manderanno via se i clienti cominceranno a scarseggiare? Ok lui potrà sempre tornare a casa e passare inverno a casa sua. Si, ma fino quando vorrà vivere così?

Un altro ragazzo 22 anni che da 3 anni fa ha cominciato l’attività adesso guadagna in media 1200 -1500€ al mese. Il suo futuro non è incerto e chi ha detto che muore come Networker? Una cosa certa, qualsiasi cosa vorrà diventare avrà una solida base. Una volta ho scritto un articolo dove presento alcuni ragazzi che hanno vinto le loro emozioni.

Conclusione

Non facciamo guidare delle nostre emozioni ma delle nostre necessità. Sempre cé una scelta! All’inizio non è mai facile! Avere un obiettivo, dividere quello che vogliamo realizzare breve, medio o lungo termine, cominciando ad elencare ciò che dobbiamo fare! Il prossimo passo è diventare individuo per poter raggiungere i tuoi obiettivi. Niente emozioni solo il duro lavoro!

Ti auguro una bella serata. Zita

Non dimenticati di lasciare la tua e-mail per essere avvisati sui nuovi post. In alto a destra. Se avete bisogno di ulteriori informazioni, potete chiedere qui sotto 👇

Grazie per la condivisione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *