Fai governare delle tue paure la tua vita?

Ecco ci siamo di nuovo. Parlerò di strategie e di metodi. Unico modo di affrontare le paure che abbiamo o abbiamo avuti tutti. Diciamo,questo é un lavoro diverso, spesso facciamo delle cose che mai abbiamo fatto prima. Quindi non abbiamo né la sicurezza né la certezza come andrà a finire. Per questo è la prima paura che vorrei parlare é la paura del pregiudizio. 

Paura del pregiudizio

HAHA, questo qui è stato micidiale. Quando ho cominciato fare Network avevo 25 amici su Facebook. Conoscevo tutte le persone e avevamo un passato insieme. Le richieste di amicizie non accettavo se non conoscevo la persona personalmente. Per me l’amicizia è sacro santo.   Adesso sono arrivata quasi mille conoscenza ma tanti non so neanche chi sono. Quando qualcuno accetta la mia richiesta lo ringrazio sempre, senza nominare l’amicizia. Semplicemente do il benvenuto tra i miei contatti di Facebook. Forse a qualcuno non piace. Ma non posso chiamarti amica o amico quando non lo sei.

Parlare nel pubblico

Il primo live! Non dimenticherò mai. Mi sono scordata di tutto quello che volevo dire. Pensieri che mi frugavano nella mente, come andrá, chi sa cosa penseranno di me, se faccio brutta figura e ecc.  Balbettavo e avevo una fifa tremenda. Per fortuna non guardava nessuno. Ho calcolato i tempi e sono rimasta li, 20-25 minuti pregare che non venisse nessuno a guardare. Erano i primi tempi di live, il popolo di Face ancora non sapeva bene cosa si trattava. Adesso,appena si accende la lampadina rossa di LIVE, andiamo a vedere al istante cosa sta succedendo. I miei pensieri mi proiettavano un futuro catastrofico e questo mi portava nel presente in uno stato di paura. Come ho risolto? Attraverso la preparazione, allenamento e la conoscenza. I primi live facevo nel mio gruppo segreto, dove parliamo dei prodotti e raccogliamo le testimonianze. https://www.facebook.com/groups/159913497749711/Piano –piano la paura del giudizio se n’è andato.

Paura del rifiuto

Se voglio essere sincera, questa non ho tolto del tutto. Essendo in un paese straniera senza parenti e ex compagni di classe, devo capire da sola le usanze e modi di fare il modo che rimango me stessa. Non vorrei sembrarmi una che vuole insegnare o si sente migliore. Il web è piena di professori che sostengono che web marketing sia una scienza a parte. Non è vero! Un metodo molto semplice. Oggi come oggi chiunque po’ comunicare online, anche senza avere esperienza online.                             

Il no, che chiamano il rifiuto di eccellenza, stranamente non mi turba. La maggior parte capisco perché succede. Rifiutano la mia proposta o perché non è il momento o perché hanno paura. Semplicemente non capiscono in che modo questa attività può diventare un’attività anche per loro. Se non è il momento ci risentiamo, se è la paura, parliamo.

Maggior mente sono preoccupata per gli errori grammaticali. Non tutti capiscano subito che sono straniera e posso immaginare cosa ne pensano leggendo il mio blog. Sono stata anche a scuola, ma per qualche motivo le preposizioni articolate per me sono un’altra pianeta. Spero che continuando a scrivere,  migliorerò! Importante che il no non diventa un’ossessione, il no non è rivolto verso di noi ma verso la proposta. Per un no, nella vita non cambia niente. Io ho fatto amicizia con una signora che mi ha detto un NO enorme. Adesso occasionalmente andiamo a prendere un caffè e parliamo altre cose.

Paura del fallimento

Succede quando tu proietti nel tuo futuro che non ce la fai. Unico motivo perché questo accade che non siamo abituati a pensare in grande. Nel network ti chiederanno spesso di visualizzare e immaginare. Lo so fa sembrare come un lavaggio di cervello o come una setta. Chi sa cosa vogliono?

Se fai un po’ di ricerca capirai subito che è importante. Sono tecniche più avanguardie della crescita personale. Visualizzare voi dire: immaginare qualcosa che desideriamo fortemente e/o per raggiungere un obiettivo. Certamente non basta solo la visualizzazione! Visualizzare serve soltanto per chiarire le idee di cosa vogliamo realizzare, quale il nostro sogno e comunicarlo al nostro inconscio. Il 60% delle cose che facciamo viene gestita dal inconscio. Questo è stato dimostrato con diversi studi.

Io ho vissuto per 12 anni come casalinga. Lavoravo con mio marito, mangiavo con mio marito. Noi viviamo nel allevamento dove il presidente è mio marito. Non abbiamo vicini e per andare in paese ci vuole la macchina. Senza amici e parenti. Pensaci in unattimo, se non mi visualizzavo come un’imprenditrice, come potevo affrontare un colloquio con una nutrizionista?  Nella mente ho ripetuto mille volte incontro con tutte le possibili domande e risposte.

Sono sicura! Se ti impegni quotidianamente, scoprirai giorno per giorno come trasformerai il tuo atteggiamentoe la tua mentalità a quella di un network professionista e di successo. Non è un lavoro lampo. Esige impegno e attenzione. Come dicono tutti quelli che hanno avuto successo con network che i primi grandi risultati arrivano dopo 3 anni di lavoro. Questo non voi dire che fino lì non guadagnerai. Voi dire che dopo 3 anni avrai un stipendio da dirigente. Come tutte le attività. Difficile trovare un’attività che i primi anni chiude in positivo. Mentre se apri un’attività tua,devi lavorarci giorno e notte, con network bastano 6-8 ore a settimana.

Se voi cominciare subito lasci i tuoi dati 👉  goo.gl/ufxZX5

Se hai bisogno ulteriori informazioni, poi chiedere qui sotto, specificando cosa ti interessa, il lavoro o qualche prodotto. Vi auguro una bella serata. Con affetto Zita

[wpformsid=”2264″ title=”false” description=”false”]

Grazie per la condivisione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *