L’importanza di essere grati

Oggi vorrei parlare della gratitudine. Non scappare, ti prometto che non sarà noiosa.  La fine capirai l’importanza di essere grata.

Ho cominciato una serie di post per descrivere il mio modo di pensare, vivere la giornata e invitare qualunque persona a seguirmi che ne abbia bisogno o la voglia. Questo sarà ultima che riguarda argomento. Se non hai letto i post precedenti ti lascio il link, cosi non perdi la fila😄 . La prima era, Sii determinato, non è male come consiglio vero? Poi ho scritto sulla felicità e che dipende da noi e esistono esercizi per poter migliorare il nostro stato d’animo. Oggi tocca la gratitudine. Poi essendo lunedì la fine del articolo lo lascio il video di ALI.

Il potere della gratitudine

Tornando ancora sulle ricerche e gli studi di Harvard, diciamo che la felicità porta successo. Dove lo collochiamo l’immensa forza della gratitudine? Fidati, io non ci credevo, addirittura credevo una americanata e rifiutavo a provare. Poi come frequento diversi corsi sul sviluppo personale, sul Network e dà per tutto ripetono tutti, ho pensato: Po’ essere che sono tutti matti e unica normale sono io? Poi che mi costa? 2-3 minuti la mattina. Così ho fatto, come mi hanno chiesto. Incredibile, ma funziona! Ho migliorato il mio rapporto con persone che non credevo di poter sopportare.

Ho provato a farlo anche nel mio Team e ha funzionato anche con loro. Ho chiesto un gruppo di persone di scrivere tre cose per il quali erano grate ogni giorno. Bisognerebbe fare la mattina appena svegli, se non c’è la possibilità si può fare anche più tardi. Il terzo giorno, hanno scritto le stesse tre cose, quindi non c’è stato alcun cambiamento. Ma se si scrivono tre cose nuove e diverse ogni giorno per 21 giorni, funzionerà.

All’inizio non è facile trovare 3 cose perché siamo grati, man mano che il tempo passa, sarà sempre più facile. Se sapessi quante telefonate ho ricevuto tipo, non so cosa scrivere. Io rispondevo, sii determinato/a e vai avanti. Poi adesso mi hai chiamato, pensaci come sei fortunato/a che hai qualcuno che ti prende sul serio e vuole la tua crescita personale. Stranamente dopo il sesto giorno le telefonate sono diminuite drasticamente e dopo 10 giorni non mi telefonava nessuno. Pensavo, forse hanno smesso di scrivere. Con adulti non si sa mai. L’opinione prevalente era che chi nasce pessimista muore pessimista. Non è così!

L’esercizio

Dopo il decimo giorno i miei collaboratori che partecipavano del esperimento, non solo hanno scritto tre cose per le quali erano grate ogni giorno, ma anche il motivo della loro gratitudine. La fine il “perché” si è rivelato importante quanto il “per cosa”.

L’esercizio ha dimostrato che il solo fatto di prendersi del tempo per essere grati può portare le persone più in alto nella scala della felicità di quanto ci si aspettasse. Ad esempio, una persona leggermente pessimista potrebbe diventare una persona leggermente ottimista in soli 21 giorni. Se continua l’esercizio di gratitudine, questa persona leggermente ottimista può diventare molto ottimista.

Prima che mi mandi a quel paese ti spiego come interpreto io il finale di questo esercizio. Uno pensa di essere una persona normale, adesso lasciamo il pessimismo, senza fortuna e privo di qualsiasi eccezionale. Prima di proseguire, fermati, chiudi occhi e descrivi una persona normale e un suo giorno tipo. Hai fatto? Ok, puoi proseguire.

Questa persona per 21 giorni, ogni giorno scrive perché è grata. Ma cavolo! Beata a lui o lei. Negli ultimi 21 giorni son successe 63 cose belle, fantastiche per cui può essere grato/a! Secondo me è fortunatissimo/a. Se uno non ci pensa e non lo scrive queste cose, cosa succede. Come hai passato questi 21 giorni? Cosa risponde? Niente, senza nessun cosa di cui vale la pena di parlare. Non è comune che succedono 63 cose belle in un mese. Tutto qui.

Adesso scappo, vado a palestra. Mio figlio mentre si allena io vado a correre. Ciao-ciao e grazie che hai letto

Dimenticavo il video.

Non dimenticate di lasciare la vostra e-mail per essere avvisati sui nuovi post. In alto a destra. Se avete bisogno di ulteriori informazioni, potete chiedere qui sotto 👇

Grazie per la condivisione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *