Lavoro part time

Se voi cambiare il tuo mondo, comincia con le piccole cose! Esempio con un lavoro part time. Le piccole cose che contano e molto più facile cominciare con un passo la volta che con un cambiamento drastico.

Se tu hai un lavoro che ti soddisfa, nel fine settimana non vedi ora che sia lunedì e un lavoro che faresti anche se non ti pagassero allora questo articolo non è per te. Ma se non è così, allora leggilo attentamente e darti da fare.

Può succedere che il stipendio non ti basta o il tuo lavoro ti crea solo stress. Cosa poi fare? Ovviamente non ti poi licenziarti. Unico modo di poter cambiare è trovare un secondo lavoro, un lavoro part time.

Unica problema con questi lavori che ti impegneranno in orari fissi. Una mia amica che la mattina fino le due lavora ha trovato un lavoro part time in una pizzeria, dove lavora ogni giorno dalle 17.30 alle 22.30. Quando vive? Come sarà la sua vita sociale e essendo donna penso che il tempo libero deve pulire, lavare i vestiti e cucinare.

E per un uomo? Non credo che sia più facile. Loro possono trovare un lavoro part time la sera o nel fine settimana. E qui è il problema. Fino a quando continuerai a svolgere due lavori? Non vedo come e perché dovrebbero arrivare i cambiamenti.

Soluzione

Cominci a lavorare con me in part time! Lo so che ti spaventa. Ma solo perché non conosci il vero essenza di questo lavoro. Non ti sto dicendo che adesso leggi questo articolo e domani cominci a lavorare. Dico soltanto di contattarmi e lasciami a spiegare e personalizzare come potresti cominciare a lavorare. Si, richiede sacrifici, 4-10 ore di impegno settimanale, quando hai tempo e voglia. Cosa cambia con un lavoro part time qualunque e lavoro di Network?

Cambia, che con questa opportunità poi cambiarti vita. Entro 2-3 anni potresti licenziare il tuo capo. Potresti avere il tempo libero per passare con i tuoi amici e con i tuoi figli. Poi viaggiare! Dal momento che diventerai Assistant Supervisore comincerai a creare la tua azienda per avere un stipendio europeo. Magari per te il 2 anni sono molti, ricordati che per costruire un palazzo alto ci vogliono le basi solidi.

Cambiamento

Ogni inizio è difficile! Ma se voi cambiare la tua vita allora valse la pena di impegnarsi. Non è un motivo abbastanza valido, forzarti per la tua vita? Secondo me, si! Anche perché se non cambi, rimane tutto cosí ceme é adesso. Ogni anno sará una copia e incolla.

“È una follia odiare tutte le rose perché una spina ti ha punto, abbandonare tutti i sogni perché uno di loro non si è realizzato, rinunciare a tutti i tentativi perché uno è fallito. È una follia condannare tutte le amicizie perché una ti ha tradito, non credere in nessun amore solo perché uno di loro è stato infedele, buttate via tutte le possibilità di essere felici solo perché qualcosa non è andato per il verso giusto. Ci sarà sempre un’altra opportunità, un’altra amicizia, un altro amore, una nuova forza. Per ogni fine c’è un nuovo inizio.”

Il piccolo Principe

Per finire

Vorrei lasciarti un video, che parla dei cambiamenti. Spero che ti piacera come ha iaciuto a me. Ti auguro una bella serata. Oggi é sabato. Vestiti e esci per goderti della vita. Un abbraccio, Zita

Non dimenticate di lasciare la vostra e-mail per essere avvisati sui nuovi post. In alto a destra. Se avete bisogno di ulteriori informazioni, potete chiedere qui sotto 👇

Carpe diem

Carpe diem, dopo Orazio, tradotta dal latino è cogli l’attimo. Il mese di gennaio è periodo delle promesse. Carpe diem è non lasciarti scappare le occasioni, progettare la vita privata professionale e concretizzare i tuoi sogni.

Allora parliamo un po’ dei tuoi progetti e i tuoi sogni. Cosa hai deciso, quale il tuo Carpe diem, per quest’anno? In gennaio se vogliamo e/o se non vogliamo arriva la necessità e un sentimento di chiudere un periodo, un tratto nella nostra vita e aprire un nuovo capitolo. In ogni anno abbiamo qualche nostro progetto. Cosa vogliamo ottenere, dove piacerebbe andare e quale luoghi da visitare. Inizio del anno nuovo è naturale che facciamo un inventario per vedere cosa abbiamo realizzato e cosa dobbiamo spostare per anno che verrà.

Buoni propositi

Ci promettiamo di realizzare quello che non abbiamo realizzato l’anno scorso, qualche modo vogliamo compensare quello che non abbiamo potuto tenere fede in passato. Lo so, è terribile. Se parliamo il 1 gennaio ’19, solo ieri era l’ultima data di finire il progetto, invece quello era l’anno scorso. Carpe diem! Partiamo con grande entusiasmo rendere l’anno che sta iniziando migliore di quello appena trascorso.

Gennaio

Importante a sapere che il maggior numero di coppia scoppia a gennaio. È legato al fatto che non volevano creare dispiaceri a nessuno nel periodo natalizio anche se lo sentono già da tempo che qualcosa non funziona e non rimasto tanto che ci lega uno con altro.

Il gennaio anche il mese più scuro del anno. Sono giornate brevi è fa buio presto. Questo fatto influenza il nostro umore e tendiamo essere pessimisti.  

Impazienza

L’impazienza caratterizza le persone anche quando parliamo le promesse per l’anno nuovo. Anche se tu, adesso Carpe diem, cogli l’attimo e ti decidi di fare parte del mio team, possiamo chiudere anno con bellezza e non il mese di gennaio!

Abbiamo la tendenza di affrettare e realizzare tutto quello che non abbiamo realizzato l’anno scorso. Il più delle volte sentiamo promesse per quanto riguarda la salute, come fare sport, mangiare sano e stare all’aria aperta. Durante le feste abbiamo mangiato più del dovuto e siamo rimasti sul divano più del dovuto e vogliamo compensare questo periodo in minor tempo possibile.  Per questo motivo che a gennaio che vendo il più C9 che permette in 9 giorni di togliere le conseguenze degli abusi di cibo e alcol.

Deludere

Quando uno decide di vivere totalmente differente nell’anno nuovo come è vissuto fin ora, allora arriva la delusione. Passa qualche settimana, arriva a metà gennaio e si accorge che non è riuscito a mantenere le promesse. Entusiasmo dura per una settimana, qualche volta non dura neanche a 7 giorni. Non si comincia subito perché Capodanno è durato fino l’alba e siamo stanchi, aspetto qualche giorno. Passa una settimana e ho fatto solo 2 volte quello che ho promesso.

Ed ecco la delusione, la frustrazione. Abbiamo questa tendenza o malformazione, non so come chiamarla, se comincio una cosa devo fare per bene o meglio non fare per niente. Se non ho fatto come si deve i primi 3 settimana, allora è andata, ormai non ce l’ha fatta, quest’anno è niente, faro la prossima volta.

Non mollare

Non mollare così presto, hai ancora un sacco di tempo per cambiare. Non dipende da quello se cominci il primo gennaio ma dipende che cominci oggi il tuo cambiamento! Per cominciare il cambiamento di quest’anno hai 365 giorni e qualsiasi giorno può andare bene. Importante che dai una svolta. Carpe diem!

Se ti sei deciso di fare ginnastica o andare a correre e fino a 15/01 sei andata solo una volta, non mollare, non essere insoddisfatta/o! Importante che appena hai tempo, hai solo 10-20 minuti ti vai a camminare, reagendo così hai già fatto molto e vedrai, fine anno correrai anche 5 km. Molto più facile per tutti redigere in testa cosa vogliamo fare che crescere psicologicamente al compito di realtà.

Essere capaci

Tu lo sai che saresti capace di lavorare con me, magari hai paura. Non sei sicura se hai le capacità necessarie o riesci essere persistente per avere successo. Ti dico la verità! Non lo saprai mai finché non cominci.

Non servono capacità speciali, con me puoi lavorare con il tuo ritmo, quello che è adatto a tuo stile di vita. Il più delle volte sappiamo cosa dovremmo fare solo ancora non riusciamo mentalmente visualizzare noi stessi, differenti come siamo adesso.

La causa che psicologicamente dobbiamo collegarci in un determinato progetto. Basta una decisione e pazienza. Darci il tempo necessario per elaborare, rimanere consistenti e progettare piccoli traguardi da raggiungere. E non dimenticare che non sei sola/o io e il gruppo saremo al tuo fianco durante il tuo percorso.

Chiusura

Vorrei chiudere l’articolo con un video tratto del film L’attimo fuggente, dove il professore insegna i suoi studenti il Carpe diem, cogliere l’attimo, sognare e essere coraggiosi per seguire i loro sogni. Carpe diem anche se non sarà facile, anche se sarà una strada lunga e anche se sulla strada rimarrai da sola. Senza sostegno e senza amici. Perché se non ti torni indietro, vedrai che altri ti seguiranno, ti ammireranno. Quello che è più importante, Tu sarai felice e realizzato!

Io ti saluto e ti invito a cogliere l’attimo. Con affetto e stima Zita

Non dimenticate di lasciare la vostra e-mail per essere avvisati sui nuovi post. In alto a destra. Se avete bisogno di ulteriori informazioni, potete chiedere qui sotto 👇