L’atteggiamento giusto?

Non mi stanco a ripetere che l’atteggiamento positivo é importante. Durante un appuntamento o quando parlo con il Team , io sono sempre positiva.

Il mio atteggiamento é positivo perché dev’essere così e basta. Non voi dire che per me é tutto facile o io non ho problemi. Semplicemente lo so come mettermi il turbo. Ascolto una musica che mi ricarica. Vedo qualche mini film che mi da la giusta carica. Semplicemente quando incontro una problema, cerco la soluzione.Inutile rimuginarci sopra se non riesco risolverlo. Bisogna andare avanti.

Ricordi la signora che voleva lavorare con me?

Giulia si lamenta sempre. Giulia che ha speso non si sa quanti soldi per una coaching di 4-5 giorni , che non ha funzionato mi sa. Giulia pensa che le cose brutte succedono solo con lei. Sbrodola quasi maschilisticamente  ogni male che  ha ricevuto ed ogni mio invito di reagire, viene sparsa nel vento. Mi dice che vuole cambiare ma non ha la forza.

Non sarà facile a fargli togliere quel guscio dove si é nascosta la vera Giulia guerriera, ma io sono testarda e cerco di aiutare. O cambia o si scappa. Di solito quando uno/a comincia un nuovo lavoro é pieno di entusiasmo e dimostra interesse. Qui parliamo un lavoro che ha scelto Giulia, lei che mi ha contattata.

Io mi accorgoquando uno si ferma e conosco anche il motivo! Ma Giulia per qualche motivo nonvuole partire, allora perché dopo una settimana ha effettuato un ordine? Lo soche non é facile. Non ho mai detto al contrario. Si comincia e poi si incontracon i primi difficoltà. Si riceve i primi no, i famigliari o amici non prendonocome abbiamo sperato e così via. Li bisogna avere la forza di volontà ericordare perché lo facciamo.

Sentite come é andata a Giulia

Non dimenticate di lasciare la vostra e-mail per essere avvisati sui nuovi post. In alto a destra.

Se avete bisogno di ulteriore informazioni, potete chiedere qui sotto

Come cominciare

Faccio  il Network da un po di tempo e non credo di essere abbastanza di aiuto per quelli che vorrebbero cominciare adesso. Il mio routine giornaliero prevede di occupare anche la mia linea e i miei collaboratori.

Allora mi é venuto idea di narrare secondo il punto di vista la signora che ha firmato contratto il primo novembre. Così possiamo proseguire insieme  la sua strada e ogni uno di voi può estrarre la conseguenza sia se avrà successo o se no.

La signora in questione  chiamiamo Giulia. Ha 52 anni, sposata e ha 2 figli. Un maschio e una femmina. Non ha un buon rapporto con il marito e vorrebbe diventare economicamente indipendente.

Io e Giulia ci siamo conosciuti in spiaggia. Io ero li settimanalmente per  evento di benessere e Lei come cliente fisso. La spiaggia in questione é un chalet di un albergo. Andavo ogni settimana appunto perché la clientela del albergo si rinnova ogni settimana. Il clienti del posto non é che hanno dimostrato interessi verso i miei prodotti o la mia proposta lavorativa.

Ultimo giorno dopo che ho messo tutto a posto sono andata a salutare tutti. Giulia mi ha fermato e ha manifestato interessamento verso il lavoro. Abbiamo scambiato il numero di telefono e abbiamo fissato un appuntamento.

Il resto potete ascoltare Nel video

Non dimenticate di lasciare la vostra e-mail per essere avvisati sui nuovi post. In alto a destra.

Se avete bisogno di ulteriore informazioni, potete chiedere qui sotto