Aspettative sociali

Come corrispondere delle aspettative sociali e rimanere felici

Come titolo, niente male, adesso vediamo come procedere. Stamattina alle sei mi sono aderito di un gruppo, guidato da una psicologa e un personal coach. É stato molto intimo. Ogni persona ha parlato di sé, i problemi e i cambiamenti che devono affrontare. Cosa avrebbero voluto realizzare nella vita, ma poi…. Da qui che mi ha venuto il titolo.

Passiamo la maggior parte della nostra vita in balia degli obblighi sociali. Che fine ha fatto il bambino che cera in noi? Quello che voleva cambiare il mondo. Voleva diventare astronauta, dottore, milionario e sopratutto un adulto felice.

Sei felice?

Allora fermati qui e non leggere oltre. Non ti serve.

Non sei felice?

Cosa ti manca? Adesso non nascondere dietro la parola, vorrei ma non posso. Volere é potere.

Grazie il mio lavoro parlo con tantissime persone. Una problema comune che non sono felici.
Provateci anche voi. Domandate ad un amico: sei felice? Vedrete che un quasi irrilevante % dirà di si.Diciamo di si, niente male, boh, questi saranno le risposte. 

Se la stessa domanda rivolgi ad un bambino/a, cosa ti dirà: Siiiii, e saltellerà anche, sicuramente.                                                                            Mi dirai. I bambini sono spensierati. E allora? Nella parola spensierato nasconde la soluzione. PENSARE  Se sei triste é un tuo pensiero e se sei felice é un tuo pensiero. Devi solamente imparare a pensare positivamente. Non é facile ma non é impossibile.

Facciamo un po di esercizi. Ti va? Non rispondere subito a questa domanda, pensaci in un attimo. Quale aggettivo usi verso te stessa. Sai quando fai una cavolata. Se non ti viene niente in mente, non preoccuparti. Da adesso in poi cercati a verificare se parli un modo positivo o negativo con te stessa.Quante volte hai detto, sono scema. Secondo Te, questo aiuta la tua autostima? 

 Un altra cosa che dovresti indagare. Le domande, Quali sono quelli che spesso ti proponi? Ogni parola é un incantesimo. Può essere che non pronunci in alta voce solo nei tuoi pensieri. Quando dici in alta voce ha un potere considerevole. Praticamente, costringi il tuo cervello a credere quello che dici. Secondo me vale la pena di fare una prova. Esempio. Se non sei capace di arrivare mai in orario e ti ripeti, tanto io non sono mai puntuale. Sicuramente rimarrai sempre un ritardatario/a. Provaci ripetere, fin ora ero un ritardatario/a ma adesso in poi sarò puntuale.  Tutto dipende della forza delle tue parole. Se cambi il tuo modo di pensare, la tua vita cambierà.  Il Gesù o il destino ha solo un timbro e ogni volta che chiedi qualcosa te lo timbra. Sul timbro é scritto: APPROVATO 

Se ti senti titubante poi verificare la forza e il potere creativo della parola. Professor Emoto che ha confermato con sperimentazione il potere delle parole sulle molecole del acqua. Che centra, Il nostro organismo 70% é composto di acqua. Non é per caso si dive quando qualcuno é nervoso, urla e si agita, che ribolla il sangue.

 

Mattina quando ti svegli usi la gratitudine. Ogni passo che fai, ripeti, grazie, se non ti viene niente di meglio in mente. La parola é energia e quanto meglio ti senti, tanto migliore sarà la tua vita.

Se ti succede una tragedia, non dire che mi é successo una disgrazia. Posto della disgrazia, potresti dire che, devo affrontare una sfida molto seria. Vedi la differenza. Mentre il primo crea solo disperazione e depressione la seconda si presenta come un compito da risolvere.

Con il gruppo quando ci incontriamo noi non lamentiamo. Cosa serve? Non ci interessa la politica. Veramente, dovremmo aspettare soluzione della nostra vita da un politico che non sa neanche se esistiamo o no? Parliamo dei pregi e come si potrebbe far diventare una forza. Dopo ogni incontro anche se solo tramite webinar mi sento migliore.

Penso che ho parlato abbastanza, vi saluto e auguro una bella serata

Con affetto

Zita